LA DIVERSIFICAZIONE DI PRODOTTO E’ SPESSO L’ANIMA DEL COMMERCIO E  DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE, MA NON VA CONFUSA CON LA VARIETA’ DEI COMPONENTI.

OLTRE ALLA VARIETA’ “BUONA”, ESISTE UNA VARIETA’ NON NECESSARIA, DETTATA DA RAGIONI SPESSO NEMMENO INDAGATE, CHE COMPORTA ONERI DI COSTO, DI GESTIONE DEI COMPONENTI E OCCUPAZIONE DI SPAZI, NONCHE’ RISCHI DI ERRORE, DIFFICOLTA’ DI MONTAGGIO DELLE PARTI, ETC.

COME RIDURRE LA VARIETA’ NON NECESSARIA AUMENTANDO EFFICACIA ED EFFICIENZA, MA GARANTENDO IL RISPETTO DEL VALORE DELLA PROPOSTA AL CLIENTE?.

AL QUESITO RISPONDE QUESTO SCRITTO DI AKIRA KOUDATE E TOSHIO SUZUE. L’ULTIMA VERSIONE ITALIANA RECA CASI, DISEGNI E TABELLE CHE CHIARISCONO OGNI PASSO DELLA MODALITA’ DI APPLICAZIONE.

LA NUOVA EDIZIONE REALIZZATA DA ISEDI (2013) CONSERVA LA CONCRETEZZA DELLA VERSIONE ORIGINALE (1980 in giapponese, 1984 in inglese e 1992 in italiano) E LA ARRICCHISCE, INTERPRETANDOLA PER IL PUBBLICO OCCIDENTALE.

PER PROFESSIONISTI E TECNICI UN VALEVOLE APPROFONDIMENTO DELLE LOGICHE DI PROGETTO CHE VALE ANCHE DA STRUMENTO OPERATIVO.

IN VENDITA ONLINE E NELLE MIGLIORI LIBRERIE.

Pin It on Pinterest

Share This