Una delegazione giapponese in visita presso l’Ospedale San Raffaele di Milano

Capita che mentre noi ci rechiamo in Giappone a visitare aziende e centri attivi nella ricerca e all’avanguardia nella organizzazione o nella gestione di processi e persone, un grande gruppo giapponese del settore farmaceutico chieda di poter incontrare professori e medici dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

Il nostro Study Tour, questa volta, ha portato perciò in Italia specialisti del settore nutraceutico e farmaceutico premiati dalla propria azienda per capacità e impegno con un viaggio preparato con cura per mesi che offrisse loro l’opportunità di approfondimenti in ambito professionale che nessun testo potrebbe fornire loro con la medesima specificità ed efficacia: informazioni, ma soprattutto esempi e osservazioni costruttivamente diversi e segnatamente nuovi alla considerazione di ognuno, discussi e assimilati per promuovere il miglioramento di applicazioni e servizi nel proprio Paese.

Il tema prescelto è un protocollo internazionale di recupero post-operatorio denominato ERAS (Enhanced Recovery After Surgery) che è stato precedentemente studiato dagli interessati come fossero i principi della Lean (!) e che è stato approfondito con evidente manifestazione di interesse finanche sorprendente per i silenzi di solito comuni tra il pubblico giapponese.

  • 20 persone dell’azienda, inclusi il presidente e l’amministratore delegato
  • 2 lecture di alto valore scientifico e 10 momenti di visita in piccoli gruppi
  • 5 interpreti per seguire le traduzioni di lecture e momenti di visita
  • 10 medici a disposizione per rispondere a quesiti e fare dimostrazioni

Oltre a ringraziare la struttura ospedaliera e in particolare i Professori Marco Braga e Luigi Beretta – ciascuno di squisita disponibilità ed eccezionale chiarezza – non si può non sottolineare come tutto il personale medico che ha guidato i gruppi durante visite nei reparti, in sala operatoria, ecc. abbia saputo esprimere il valore di quanto costruito, concorrendo a promuovere la capacità di innovazione, cambiamento organizzativo (abbattimento di resistenze interne) e l’effetto di miglioramento del servizio per l’utenza (pazienti) testimoniato dai pazienti stessi.

In tal senso JMAC ha dimostrato ancora una volta la capacità di affiancare con originalità e concretezza un bisogno del proprio cliente (giapponese in questo caso), mettendo in contatto realtà diverse per fornire loro risposte e stimoli utili a generare nuovo frutto in termini di competenza, di impegno e migliore risultato. 

Lo facciamo con entusiasmo e con rigore nella scelta dei contatti, nella preparazione dei percorsi e nella guida alla “scoperta” del valore – ovunque questo si trovi. Per conoscere l’offerta di consulenza di JMAC sui viaggi di studio, clicca qui.

Per contattare il nostro referente in questo ambito, potete scrivere a r.giovannuzzi@jmaceurope.com

Pin It on Pinterest

Share This