News

Milano,
30 Maggio 2017
Viaggio in Giappone 2017
Dal Karakuri Kaizen all'Industry 4.0
 Vedere e ascoltare dal vivo i perché e i come di chi ha operato scelte vincenti sulla tecnologia è uno stimolto sempre forte. Contesto diverso, certo, e settore non coerente con quello della propria attività, ma proprio per questo in grado di far prendere alle nostre menti la giusta distanza e leggere con più chiarezza i contorni e le sfumature che da vicino l'occhio fa fatica a cogliere.
Il viaggio è un'opportunità da sperimentare anche per il contesto dell'esperienza: è come fare un tuffo in acqua e vedere ciò che non sarà mai nel nostro campo visivo fino a che rimarremo a guardare la superficie del mare da uno scoglio o da una imbarcazione.
Entrare in un mondo diverso è ciò che facciamo: 

Così è stato per il gruppo di aziende che quest'anno sono partite con noi per il Viaggio in Giappone. Insieme abbiamo visitato Daikin Technology & Innovation Cener, Toyota, Omron, Hitachi e il non meno sorprendente TIRI -i l'ente che a Tokyo si fa promotore dello sviluppo tecnologico per le piccole e medie imprese (Tokyo Metropolitan Industrial Technology Research Institute) , che ci ha mostrato l'impegno fattivo e già concretizzato in organizzazione stabile del governo e dell'amministrazione locale alla costruzione di opportunità imprenditoriali. Ogni centro nel territorio nazionale (ce ne sono almeno uno per prefettura - ossia 47) mette a disposizione delle imprese attrezzature e impianti di test, stampanti 3D, sale di studio e prove, spazi per incubazione dedicati a start-up di impresa, come pure competenze tecnico scientifiche in molte branche di specializzazione e servizi di comunicazione e promozione pubblicitaria.

Un insieme di visite che ci ha condotto fino a JMAS e JMAC, per sintetizzare quanto visto in un messaggio di incoraggiamento alla gradualità e alla progressività degli investimenti (in funzione deglio obiettivi) come scelta preferibile rispetto a piattaforme digitali articolate e complete, che certo realizzano visibilmente molte possibilità tecnologiche avanzate, ma al tempo stesso presentano il limite di poca flessibilità, onerosità di impegno per tutta l'azienda e costi elevati.

Mentre l'avanzare oramai irrefrenabile della tecnologia informatica mette a disposizione comunque interessanti piattaforme che potremmo equiparare all'alta moda del fashion business, è certo che si potrà anche disporre a sempre minor costo di una serie ancor ignota, ma sicuramente sorprendente, di "magie pret-a-porter". Nel frattempo, hanno testimoniato i manager delle aziende che abbiamo incontrato, un fondamento forte di conoscenze di Industrial Engineering e di miglioramento continuo (kaizen) sono e restano la condizione sine qua non dell'eccellenza operativa.

Il lean thinking accelererà la sua implementazione, dunque, ma i suoi principi e la cultura del miglioramento "tradizionale" potranno fare la differenza ancora per lungo tempo - oggi e in avvenire.. 
Viaggio in Giappone 2017

Condividi