Toranomaki

Accezione ed etimologia del termine "TORA NO MAKI"

  • Letteralmente: rotolo della tigre. Oggi è un termine che indica ogni scritto di sintesi o di interpretazione del contenuto più significativo di un testo, soprattutto a scopo didattico. Si tratta perlopiù di documenti di sintesi che spiegano in modo chiaro e conciso gli aspetti più reconditi o criptici degli insegnamenti impartiti mediante un testo, soprattutto se antico o anonimo.
  • Il termine è tratto da un testo detto “Kotou” (faretra della tigre) che faceva parte di una serie di 6 e componeva quello che oggi è riconosciuto come un classico della saggistica bellica di ogni tempo. Originariamente redatto in Cina nel VII-VIII secolo, raccoglie una serie di insegnamenti dell'arte della guerra considerati segreti.
  • I sei volumetti furono originariamente realizzati su rotolo e a ciascun rotolo venne attribuito un nome dal potere fortemente evocativo: rotolo delle lettere, delle armi, del drago, della tigre, del leopardo, del cane. Pur essendo un trattato di arte militare , esso offre spunti interessanti e potenzialmente utili in politica e nelle relazioni umane in generale.
  • Nel volumetto “rotolo della tigre” vennero riportati i segreti e le strategie della via della spada in battaglia, che per secoli in Cina come in Giappone furono oggetto della massima considerazione tra gli uomini d'armi.
  • Venne denominato tora-no-maki anche il “Diario di Yoshitsune”, che è parte degli “scritti militari” redatti nei primi anni del periodo Muromachi. Messo peraltro in scena come kyogen (rappresentazione comica) al teatro Kabuki, ebbe grande successo.
  • Godendo di tanta popolarità, il termine ha assunto non solo l'accezione di “bibbia” dell'arte bellica, o “summa dei segreti più celati”, ma anche di “sunto facilmente comprensibile”, ossia tradotto in linguaggio comune.
  • In epoca più recente questa associazione lo ha portato a confondersi con il “bigino”, un libretto creato per sintetizzare contenuti tecnici o specialistici e semplificare lo studio facilitando la memorizzazione.
  • In realtà esso in origine non aveva affatto l'intento di sollevare le fatiche di chi si apprestava allo studio, bensì di trasmettere i contenuti più segreti e preziosi di un sapere esclusivo.
Le competenze di JMAC

Condividi